Consulenza - Sviluppo - Marketing - Formazione

Giacomo Rutili

Tieni qualche istante il mouse sopra al mio nome per aggiungermi su Google+ o seguimi sugli altri social
Giacomo Rutili

Friends+ me, il tool google+ centrico

22 aprile 2014, Scritto da , category Google+

Logo Friends+me

Chi, come il sottoscritto, è un amante di Google+, il social network di Google, ma, allo stesso tempo, gestisce il proprio profilo/pagina anche su altre piattaforme, avrà sicuramente desiderato di poter fare cross-posting (*), ovvero di scrivere il post una volta sola e poi condividerlo su tutti i social network.

Cosa è Friends+Me e perché usarlo?

Visto che Google+ è, a dir la verità, un sistema ancora piuttosto chiuso, che mal volentieri comunica con le altre piattaforme (tanto che non si può postare da Twitter verso Google+, così come da Facebook verso G+) ecco che una applicazione online, come Friends+Me, diventa lo strumento ideale per risolvere questo ostacolo, invertendo l’approccio.

Come funziona Friends+Me?

Questo strumento risolve il problema appena descritto “ribaltando” l’approccio: anziché postare sugli altri social e ricondividere su Google+, si posta su Google+ e si ricondivide sugli altri social.

Come configurare Friends+Me?

Tutto parte dalla creazione di un account (gratuito o a pagamento) su Friends+Me. Una volta creato l’account si connettono vari profili/pagine che gestiamo sugli altri social network.

friends+Me add new account

Dopo aver deciso quanti e quali profili collegare al tool, la dashboard di Friends+Me apparirà, verosimilmente, così:

Friends+Me linked accounts

Nel mio caso ho connesso i profili di Facebook, Linkedin e Twitter. Purtroppo, per questi ultimi due social network, la foto del profilo non viene mostrata correttamente, ma penso sia a causa di un bug temporaneo della piattaforma e comunque non influisce sul funzionamento dello strumento.

Cosa posso fare con Friends+Me?

Una volta connesso i profili/pagine al proprio account Google+, i post vengono, come detto, pubblicati in automatico anche sugli altri social network. Questa pratica, però, in certi casi potrebbe rivelarsi scomoda e sconveniente, perché non è detto che si voglia per forza ricondividere tutto anche sulle altre piattaforme.

Personalmente, infatti, tratto argomenti diversi (con linguaggi e sintassi differenti) a seconda del social che sto adoperando. Se Twitter, infatti, lo adopero prevalentemente per il live tweeting mentre Facebook lo uso più per il “cazzeggio” (gattini, battute, riflessioni etc), Google+ lo sfrutto per postare contenuti attinenti alla mia attività professionale (sviluppo web, web marketing e formazione) e per interagire con colleghi o all’interno delle community.
Per questo motivo, per non tediare gli amici su facebook, che poco hanno a che fare con la mia attività professionale (e che ancor meno interesse hanno verso di essa), preferisco dosare le pubblicazioni e poter scegliere cosa condividere.

Limitare la condivisione dei contenuti con Friends+Me

Un trucco che ho usato fin’ora (e che continuerò ad usare) per limitare il crossposting, è quello di configurare l’applicazione Friends+Me su Facebook in modo tale che la visibilità del post venga impostata, di default, a “Solo io“.

In questo modo, se l’argomento è troppo tecnico/lavorativo, non viene visto da nessuno, evitando, così, di “infastidire” i miei amici/follower “sporcando” il loro stream di notizie non interessanti.
Soltanto in un secondo momento, se decido che il contenuto può essere di qualche interesse anche per gli amici, cambio le impostazioni della privacy del post, da “Solo io” a “amici / amici più stretti / pubblico” o a favore di qualche lista creata ad hoc per quella tematica (es: “SEO | Web marketing | colleghi”).

Privacy settings for facebook post from Friends+Me

Come potete vedere in questo caso, un post di natura informatica, per di più in inglese, è molto probabile che non interessi molto ai miei contatti su Facebook, che sono connessi a me quasi esclusivamente per motivi di conoscenza diretta, amicizia o parentela e che poco (o niente) capiscono dei miei lavori / interessi.

Friends+Me e gli hashtag

Friends+Me, non più tardi di tre settimane fa, in un post sul blog di Friends+Me, ha reso noto di aver creato un hashtag ad hoc per non ricondividere i contenuti.

L’hashtag  è #noshare ed è semplicissimo da usare: basta scriverlo all’interno del post che stiamo scrivendo su Google+ ed ecco che questo non verrà ripubblicato sugli altri social network connessi al nostro account.

Ma Friends+Me non si limita a questo hashtag, anzi, ci incentiva ad usarne altri, così come riportati nella pagina Routing di ciascun account connesso.

Control Friends+Me reposts by using hashtags. Define your own control hashtags and assign to them a subset of accounts you want Friends+Me to repost to.

In questa pagina, infatti, abbiamo la possibilità di gestire hashtag diversi da sfruttare per la “condivisione selettiva” dei nostri post. L’hashtag #LF, per esempio, fa sì che il contenuto venga pubblicato soltanto su Facebook e LinkedIn e non, per esempio, su Twitter.

friends+Me hashtag

 

Coda messaggi in uscita su Friends+Me

Tra le altre funzionalità offerte da questo strumento, c’è la possibilità di visualizzare quali post sono in coda (per una prossima pubblicazione) sui vari profili connessi al nostro account.

In questo modo è facile tenere sotto controllo cosa stiamo per pubblicare o ripubblicare e, eventualmente, intervenire per cancellare qualcosa di troppo.

Ripubblicare post con Friends+Me

L’ultima funzionalità che andiamo a vedere di Friends+Me è la ripubblicazione dei post. Ebbene sì, questo strumento ci consente di pianificare la pubblicazione dei post creati a partire da Google+. In questo modo sarà possibile gestire dei follow-up, come veri promemoria per dare più visibilità a quanto abbiamo scritto.

Inutile soffermarsi sulla comodità di questa funzionalità, specialmente per chi ha condiviso, per esempio, contenuti provenienti dal proprio blog.

Schedulare i post è semplicissimo: si accede alla pagina del profilo di uno degli account collegati e si va alla voce Scheduling. 

In questa pagina è possibile sfruttare due tipi di pianificazione:

  • ad un orario predefinito
  • dopo un tot di tempo.

L’utilizzo è molto intuitivo e si capisce bene dando un’occhiata alle immagini sottostanti.
friends+Me repost scheduler friends+Me repost delay

Questo è più o meno tutto quello che c’è da sapere su questo validissimo strumento. Ora non vi resta che provarlo e farmi sapere, nei commenti, le vostre impressioni in merito.


(*) Sebbene la pratica del cross posting non sia, a mio avviso, la miglior strategia per postare (ogni social può avere target, linguaggio, interessi e scopi diversi), è indubbio che avere la possibilità di farlo sia una gran comodità, tanto per le pagine business che gestiamo quanto per il proprio profilo personale, sopratutto ai fini di personal branding.

Friends+Me homepage