Consulenza - Sviluppo - Marketing - Formazione

Giacomo Rutili

Tieni qualche istante il mouse sopra al mio nome per aggiungermi su Google+ o seguimi sugli altri social
Giacomo Rutili

Antitrust: nuova multa in arrivo per Microsoft

7 marzo 2013, Scritto da , category Microsoft

Logo Microsoft

Microsoft sta per essere multata per un importo di 561 milioni di euro

E’ inutile, per quanto mi sforzi, questa applicazione della legge antitrust (legge che ritengo giusta, in senso assoluto), non riesco proprio a condividerla.

Se fossi Microsoft, penserei: produco software, nella fattispecie un sistema operativo. E’ tutta roba mia.
Devo rendere possibile, all’utente che lo acquista, l’accesso a tutte le funzionalità necessarie per poter essere autosufficiente ed avere un’esperienza d’uso completa. Dunque, dove sta il problema?Ora, capisco la situazione di monopolio e compagnia bella, ma è già stato dimostrato, per esempio, che il ballot screen non ha portato i risultati sperati (vedi Opera, ma non solo). Almeno, non nei termini in cui sperava chi l’ha promosso (Opera in primis).

Se gli utenti sono migrati da Internet Explorer ad altro browser è solo grazie al passaparola positivo che si è generato (vedi Firefox nella prima decade degli anni 2000), alla pubblicità incessante (nel caso di Google Chrome), oltre al solito “spargimento” di cultura informatica attuato dai soliti smanettoni che, come facevo anch’io in passato, vanno a casa di amici e parenti a rimpiazzare il browser predefinito con altri più sicuri, stabili, performanti o … di moda 🙂

Logo Internet Explorer

Dunque, nonostante la posizione dominante di Microsoft, la migrazione di utenze c’è stata ugualmente e questo, sopratutto, grazie alla bontà degli altri software, ad una concorrenza sempre più agguerrita e ad una completezza e varietà dell’offerta che qualche anno fa non esisteva. Che è un po’ come dire: offrimi pure tutti i servizi che vuoi, tanto poi faccio di testa mia.

Ma poi, se applicassimo il ragionamento in senso più esteso, non si dovrebbe multare Microsoft anche per il media player, il gestore di file, il software di posta e qualsiasi altro prodotto / servizio che Microsoft preinstalla nel sistema operativo?

A tal proposito, mi domando: a cosa dovrebbe servire il sistema operativo? Qual’è il suo scopo? Se lo priviamo dei software che l’utente si aspetta di trovare, cosa rimane?

Dovrebbe essere solo un raccoglitore di driver per periferiche o un’insieme di prodotti / servizi che consentano di utilizzare l’hardware acquistato?

Infine: perché la UE non prende lo stesso provvedimento nei confronti di Android che occupa oltre il 50% del market share? Certo, non è ancora monopolio di fatto, ma un telefono su due “monta”, comunque, il sistema operativo del robottino verde. E non mi pare poco.

Possibile che Microsoft sia solo un pretesto per fare cassa all’interno dell’UE?