Consulenza - Sviluppo - Marketing - Formazione

Giacomo Rutili

Tieni qualche istante il mouse sopra al mio nome per aggiungermi su Google+ o seguimi sugli altri social
Giacomo Rutili

Il tempo delle email

25 luglio 2010, Scritto da , category Generica

il tempo delle emailPer chi fa un mestiere come il mio, si sa, l’utilizzo della email è a dir poco cruciale e non sarà, ancora per qualche anno, facilmente rimpiazzabile per diversi motivi:

  • costi
  • praticità
  • versatilità
  • asincronia
  • testimonianza
  • affidabilità
  • sicurezza


Costi
: è indubbio che tutt’ora rimane uno degli strumenti di comunicazione più economico (sarebbe gratuito ma c’è sempre da considerare il costo di accesso alla rete) che esista.

Praticità: al giorno d’oggi, tra pc portatili o desktop, netbook, palmari, smart phone è molto facile inviare e ricevere email

Versatilità: poter scrivere tanto o poco testo, coronato da immagini o file multimediali, con formattazione del testo ricca o semplice, con notifica, ad uno o più destinatari etc. Il tempo passa ma il suo utilizzo, sostanzialmente, rimane invariato negli anni. Che si usi il più avanzato client di posta -o mailreader- o che si usi la webmail, le principali peculiarità del suo utilizzo sono rimaste sostanzialmente invariate. Questo, a parer mio, spiega quanto sia ancora attuale, moderno e versatile comunicare tramite email.

Asincronia: dopo trenta e passa anni dalla sua invenzione, il metodo migliore per comunicare con persone lontane, ma anche vicine, che non richieda una risposta immediata o che consenta a chi, magari per esigenze lavorative o di fuso orario, di rispondere agevolmente rimane ancora l’email.

Testimonianza: il vocabolo scelto non rende bene l’idea di ciò che intendo comunque… poter aver qualcosa di scritto come testimonianza di una corrispondenza avvenuta è molto importante ai fini lavorativi o affettivi.

Affidabilità: penso di poter dire che tutti gli ISP (Internet Services Provider) al mondo abbiano fornito alla propria infrastruttura una qualità tale da poter ritenere l’email uno strumento di comunicazione affidabile almeno al 99%. L’email o arriva o non arriva. E se non arriva è, molto probabilmente, a causa di un errore umano (destinatario digitato male etc) e non tecnico.

Sicurezza: grazie agli strumenti più diffusi di crittografia (penso a PGP o GPG) è indubbiamente lo strumento più sicuro per comunicare informazioni riservate.

Perchè ho fatto questa premessa e perchè parlo di email? Perché dal giorno zero in cui ho sentito parlare di internet al giorno uno in cui ho iniziato a lavorare grazie ad internet fino ad oggi, il fattore lavorativo che ha subito meno variazioni nella sua applicazioni è, appunto, la posta elettronica.

I cellulari sono cambiati, i browser si sono ammodernati, i computer sono diventati più potenti, versatili, più grandi o piccoli, i siti si sono evoluti in base alle tendenze del momento… molto è cambiato ma la posta elettronica è rimasta con le stesse caratteristiche, la stessa comodità e praticità di quando ho iniziato.

Ad oggi credo di gestire un volume di email che, tolto lo spam, si aggira ad una cinquantina al giorno. Di queste probabilmente almeno la metà sono di vero interesse o lavoro. Il tempo che dedico quotidianamente a scrivere, leggere e rispondere alla corrispondenza è tanto (mediamente un’ora e mezzo) al punto che a volte mi domando se forse non sia più pratico adoperare il telefono… Poi mi ricordo dei costi, della necessità di trovare l’interlocutore libero di rispondere nel momento in cui lo chiamo e mi ricordo che verba volant e che potrei aver bisogno di mostrare immagini e via dicendo così finisce che cambio idea e lascio perdere il telefono.

Lascio a voi alcune domande:

pensate che sia ormai giunto il tempo delle email?

Ritenete che i social network potranno surclassare questo strumento?

Credete ancora in software rivoluzionari (ma rivelatisi fallimentari) come Google Wave?

Gli sms, o gli mms, potranno mai soppiantare l’email o assisteremo al contrario data la convergenza tra telefonia ed internet?

Infine:

Che uso fate della email? Quanto impatta nel vostro lavoro? Quanto tempo occupa della vostra giornata? E’ ancora il vostro strumento preferito per gestire la corrispondenza?