Consulenza - Sviluppo - Marketing - Formazione

Giacomo Rutili

Tieni qualche istante il mouse sopra al mio nome per aggiungermi su Google+ o seguimi sugli altri social
Giacomo Rutili

emulatori per browser mobile

4 gennaio 2011, Scritto da , category Browser, Chrome, Firefox, HTML, Internet Explorer, Opera, Smartphone, Telefonia

emulatore-opera-miniChi sviluppa per il web conosce assai bene le problematiche attuali per quanto riguarda il design dei siti: oltre ai tradizionali problemi legati alla grafica, che dev’essere accattivante, originale, comunicativa, semplice e chi più ne ha più ne metta, ci sono i problemi della compatibilità tra browser.

E’ noto che “si stava meglio quando si stava peggio“: ai tempi del dominio di Internet Explorer, quando era diffuso con percentuali vicine al 100% (nemmeno poi tanti anni fa, a pensarci bene), “bastava” sviluppare un sito affinché fosse correttamente renderizzato per IE ed il gioco era fatto.

La prepotente diffusione di Firefox (Opera e Safari erano e sono tutt’ora di nicchia) ha cambiato le carte in tavola: i webmaster, anzi, i web developer, hanno dovuto iniziare a fare i conti con i problemi di compatibilità (per la verità chi sviluppava con Opera e Safari ne era già al corrente, ma contava quanto il due di picche).

Scoprire che le tabelle, i font, il box model degli oggetti html non veniva visualizzato alla stessa maniera su tutti i browser ha aumentato la complessità dello sviluppo di layout ed ha aumentato il lavoro dei “poveri” programmatori che si sono trovati, di fatto, a dover fronteggiare nuovi problemi grattacapi pur dovendo mantenere prezzi competitivi per non uscire dal mercato (vagli a spiegare ad un cliente che realizzare un sito cross-browser è più impegnativo che crearne uno buono solo per IE e che, pertanto, merita la giusta ricompensa in denaro).

Bene, poi che è successo? E’ successo che quando ormai abbiamo imparato a progettare meglio i nostri layout e ci siamo applicati a diffondere in maniera maccheronica (perché con i clienti non si può fare di meglio che spiegare in poche, semplici parole il concetto del cross-browsing) la cultura della compatibilità dei siti è arrivata la rivoluzione del mondo mobile.
I cellulari, anzi, gli smartphone, prima con il wap, poi con H3G (ora EDGE e compagnia bella, per non parlare del sempre diffusissimo wi-fi) hanno introdotto nuove problematiche:
– “ok, il sito si vede bene con IE, Ff, Opera, Safari (e Chrome), ma sul mio cellulare fa schifo! Flash non si vede, i link sono troppo piccini, il rollover delle immagini salta, i css non sono ben renderizzati. Voglio che il sito si veda bene anche con il mio telefonetto!

– “Sticaz… Ma certo, gentile cliente, provvedo immediatamente.

(Trascuriamo il fatto che, presentato il conto per gli aggiustamenti di layout, il cliente scappi. E’ un altro discorso, anzi, è un altro problema 🙂 )

Dunque, il bravo programmatore cosa può fare, ad oggi, per aiutarsi nel debuggare il layout per i dispositivi mobili? Comprare 5 smartphone (BlackBerry, Android, iPhone, Windows Phone, Nokia)?

Per fortuna non è necessario… 🙂

Da tempo esistono dei software, online o scaricabili, che consentono di renderizzare il nostro sito come se disponessimo di tutti i principali browser, sia per desktop, come browsershots.org, sia per dispositivi mobili.

Da che io mi ricordi, Opera è stata la prima (strano, eh ;-), a preoccuparsi di questa problematica, tant’è che ha sviluppato uno strumento online per testare con Opera Mini ed uno strumento scaricabile per simulare Opera Mobile.

Anche per iPhone c’è qualcosa di simile, e si trova qui: testiphone.com.

Per Windows Phone ed Android sono disponibili dei toolkit per sviluppatori. Entrambi i software sono scaricabili gratuitamente dai siti ufficiali delle due piattaforme:

Per una lista completa di tutti (ma proprio tutti, compreso Nokia, Bada di Samsung, BlackBerry etc), vi rimando a questo utilissimo sito di emulatori mobili.

Non mi resta che augurarvi un buon lavoro e, magari, un ritorno alle origini, quando Microsoft dominava il settore dei browser! (scherzo, ovviamente 😉